vecchi ricordi



raccogliamo in questa pagina quello che abbiamo recuperato dal web

qualcosa si può ancora visualizzare a questo indirizzo (il sito nel 2005!!!)

https://web.archive.org/web/20041207164428/http://maniunite.altervista.org:80/index.htm



e poche schermate della versione successiva le possiamo vedere qui


https://web.archive.org/web/20131226081118/http://www.maniunite.altervista.org/

Un vecchio articolo del 2001


MANI UNITE: Significativa esperienza di volontariato dell’omonima Associazione O.N.L.U.S. di Giardini-Naxos

Da “Lo Stilo”, Febbraio 2001, Anno II n. 14

di Fr. Claudio Begni - Coordinatore dell'Associazione

L’Associazione “Mani Unite” nasce 10 anni fa dalla comune esperienza di servizio ai malati a Lourdes, fatta da un gruppo di amici che decide di continuare nel proprio paese lo slancio iniziale di attenzione e disponibilitŕ verso le persone č piů deboli, in particolare verso i disabili mentali che sono numerosi nella nostra zona. L’associazione raccoglie una cinquantina di soci accomunati dai medesimi scopi e finalitŕ. Venticinque di essi sono impegnati settimanalmente in attivitŕ programmate di intrattenimento per una quindicina di amici disabili mentali della fascia di etŕ post-scolare per la quale le istituzioni sembrano generalmente latitanti. Questi “ragazzi” (come ci piace chiamarli), da vari anni sono divenuti un po’ le nostre mascottes. Le attivitŕ, comunque, sono aperti a tutti i disabili mentali che, direttamente o attraverso i propri familiari, siano interessati a trascorrere un po’ del loro tempo insieme ad altri ragazzi, in un ambiente simpatico. Le attivitŕ, ricreative ed allo stesso tempo educative, proposte in tre giorni alla settimana, sono finalizzate a stimolare quelle che, in termini tecnici, si chiamano le “capacitŕ residue” a tutti i livelli: abilitŕ manuali, espressione verbale, sicurezza ed autonomia personali nelle comuni esigenza quotidiane, socializzazione... Esse sono comunque momenti interessanti e divertenti per volontari e soci assistiti: la recitazione, il canto mimato, il dialogo guidato in gruppo, la produzione di piccoli oggetti regalo per le famiglie, si alternano al verniciare la ringhiera della nostra sede, giocare insieme, predisporre cartelloni e fotografi, suonare i piccoli strumenti a percussione. I ragazzi devono sentirsi protagonisti nel tempo e nel luogo della vita associativa, dove i risultati non si valutano per la perfezione di ciň che si fa, ma per la partecipazione gioviale ed interessata che si riesce a creare e per le abilitŕ che essi stessi scoprono di acquisire man mano. Tra le iniziative settimanali, grazie alla disponibilitŕ della prof.ssa Marta Roccamo, titolare della palestra Black & White di Taormina, i ragazzi si dedicano anche all’attivitŕ ginnico-ritmica, particolarmente adatta a loro, stimolata da opportune basi musicali: č commovente rilevare gli evidenti progressi nelle capacitŕ motorie e nelle progressive abilitŕ fisiche di ciascuno. Oltre alle attivitŕ programmate settimanalmente, di tanto in tanto si pensa a qualcosa di estemporaneo: lo shopping al supermercato, la serata in pizzeria, la passeggiata sul lungomare e la gelateria, la funzione religiosa, il teatro, le feste di paese, le gite nelle varie localitŕ, l’esposizione dei nostri manufatti per autofinanziarci.

Č divenuta ormai una tradizione per la nostra Associazione, la settimana di “colonia estiva” in montagna, ad Antillo, dove soci disabili e volontari trascorrono insieme una gioiosa convivenza, in autogestione, lontani da casa, animati dai volontari dello staff organizzativo per le svariate attivitŕ ricreativo-didattiche e accuditi dalla preziosa čquipe dei volontari incaricati della gestione ed organizzazione materiale della settimana, dal trasporto alla cucina, alle pulizie personali e degli ambienti. Da una parte ci sentiamo incoraggiati, per i frutti del nostro piccolo impegno: la sofferta iscrizione nell’albo delle associazioni di volontariato, ottenuta con molta fatica, attraverso un decreto assessoriale (il n. 830 del 30-05-2000); la nuova sede, in via Cannizzoli, a Trappitello, inaugurata il 16 Dicembre scorso con piů di 150 partecipanti; la collaborazione fattiva con altre associazioni; la campagna di sensibilizzazione e divulgazione per tutto il periodo natalizio…

D’altra parte perň i nostri sogni, o forse utopie, fanno i conti con le difficoltŕ quotidiane di gestione, con gli impegni personali, di famiglia, di lavoro e di studio, che spesso impediscono a diversi volontari di dare maggiore apporto di tempo e capacitŕ. Č nostro intento allora farci presente all’opinione pubblica come piccola testimonianza di solidarietŕ e di volontariato:

- vorremmo favorire una rinnovata cultura, piů accogliente e sensibile verso persone con ritardo mentale, o disabili in genere;

- vorremmo far conoscere i nostri progetti e trovare altri amici disposti a fare un tratto di strada con noi, per gli altri, nell’esperienza del volontariato. Ogni volte, in ogni attivitŕ, anche quando la stanchezza tenta di spegnere l’entusiasmo, ci capita di sperimentare, a contatto con quei nostri “ragazzi”, una carica affettiva ed umana che riempie di significato il nostro agire, e ci incoraggia ad andare avanti. Sarebbe bello se tanti volessero condividere con noi la passione per la dignitŕ dell’uomo e l’unitŕ di intenti nel promuovere il bene della societŕ.